Google Bard sta per fare un passo avanti con il suo rilascio imminente del livello Advanced, ma c’è un colpo di scena: sembra che questa versione potenziata non sarà gratuita.

Una serie di indizi lasciati sul sito web di Google suggeriscono che il lancio di Bard Advanced è più vicino di quanto si pensasse, ma gli utenti dovranno probabilmente sottoscrivere un abbonamento Google One per accedervi.

Lo sviluppatore Bedros Pamboukian su X ha scoperto righe di codice che indicano il prossimo lancio di Bard Advanced. La sorpresa è che questa versione potenziata sarà fornita in bundle con Google One, e coloro che acquisteranno un abbonamento avranno la possibilità di provarlo gratuitamente per tre mesi.

La novità più intrigante è che Bard Advanced sarà alimentato dal modello Gemini Ultra di Google, progettato per affrontare compiti altamente complessi e accettare input multimodali.

Dylan Roussel su X ha rivelato che il chatbot avrà capacità matematiche e di ragionamento avanzate, rendendo Bard Advanced un’opzione interessante per coloro che cercano un assistente virtuale più sofisticato.

Il prezzo e il piano di abbonamento necessario per accedere a Bard Advanced non sono ancora noti, ma ci si aspetta che Google possa stabilire una barriera d’ingresso significativa, considerando l’interesse crescente nell’intelligenza artificiale.

Funzionalità attese di Bard Advanced

Roussel ha fornito ulteriori dettagli su possibili funzionalità che potrebbero arricchire Google Bard Advanced:

  1. Bot personalizzati: si potrebbe avere la possibilità di creare bot personalizzati utilizzando l’intelligenza artificiale, noti collettivamente come Motoko. Tuttavia, le informazioni su di essi sono limitate, e la loro condivisione potrebbe essere un’incognita.
  2. Galleria di suggerimenti: una funzione chiamata Galleria offrirà suggerimenti visualizzabili pubblicamente su vari argomenti, fungendo da fonte di ispirazione per brainstorming.
  3. Gestione attività: una sezione dedicata alle attività, anche se con pochi dettagli attualmente disponibili, sembra essere destinata a gestire compiti a lungo termine, come la generazione di immagini.
  4. Creazione di sfondi e primi piani: gli utenti potrebbero avere la possibilità di creare sfondi e primi piani per smartphone e banner di siti web. Una funzionalità chiamata Power Up sembra migliorare i suggerimenti di testo, ma i dettagli su come sarà implementato rimangono vaghi.

Il futuro di Google Bard nel 2024

Il 2024 si preannuncia come un anno significativo per l’intelligenza artificiale, con Google Bard e il suo ChatGPT in prima linea.

Resta da vedere quale di questi si affermerà come la scelta migliore. Presto avremo una visione completa di ciò che Google Bard Advanced ha da offrire, dato che il lancio ufficiale sembra essere imminente. Restate sintonizzati per tutte le ultime novità sull’intelligenza artificiale nel 2024!