Home Blog Adwords Blog AdWords e marchi registrati. Come richiedere l’autorizzazione?

AdWords e marchi registrati. Come richiedere l’autorizzazione?

23
AdWords e marchio registrato
AdWords e marchio registrato

I marchi registrati e AdWords

Una delle difficoltà quando si va a preparare una campagna AdWords può essere costituita dall’esistenza, tra le parole chiave scelte nell’impostare un annuncio, di un marchio registrato.

Ciò che può accadere è che la propria campagna non viene approvata o approvata con limitazioni.

Facciamo un esempio: Ipotiziamo che un cliente proprietario di una palestra vi chiede in qualità di suoi consulenti AdWords di impostare una campagna che abbia ad oggetto uno dei suoi corsi tanto di moda e che probabilmente è un marchio registrato internazionale .

Fate le vostre brave indagini sulla search volume ed altro, pianificate e impostate la campagna inserendo nel titolo e all’interno dell’annuncio proprio la parola in questione che identifica perfettamente il tipo di corso.

Ad un certo punto vi stupite che l’annuncio non parte o risulta “limitata”.

AdWords vi avvisa che la parola usata è un marchio registrato e pertanto per poterlo utilizzare c’è bisogno dell’autorizzazione del titolare del marchio.

Adwords vi indica anche come procedere e chi contattare mediante un proprio modulo ad hoc.

La politica dei marchi per AdWords

Si tratta di un argomento piuttosto importante e attuale visto che moltissime campagne AdWords vengono impostate proprio per agevolare il posizionamento con determinati marchi celebri e registrati, soprattutto quando i clienti inserzionisti sono rivenditori.

Google riconosce l’importanza dei marchi e dedica all’argomento una ben precisa politica sui marchi registrati.

Gli inserzionisti sono responsabili per le parole chiave e per i contenuti che scelgono di utilizzare per impostare gli annunci.

Quando Google AdWords rileva che si sta usando una keyword corrispondente ad un marchio registrato ne può limitare l’utilizzo e contestualmente avvisa l’inserzionista del problema.

Approvazione limitata dell’annuncio AdWords

Lo stato dell’annuncio si può vedere navigando nella relativa campagna e facendo clic sulla scheda Annunci per visualizzare tutti gli annunci in quella campagna determinata.

L’annuncio può risultare approvato, approvato (con limitazioni) o non approvato.

Nel caso l’annuncio risulti non approvato per l’utilizzo di un marchio si può agire nei seguenti modi:

  • Rimuovere il marchio dall’annuncio. Una volta salvato, l’annuncio verrà riesaminato e sarà pubblicato, a condizione che non vengano rilevati altri problemi relativi alle norme;
  • Correggere l’annuncio e la pagina di destinazione in conformità con la politica del rivenditore e del sito informativo (maggiori informazioni qui );
  • Richiedere l’autorizzazione al proprietario del marchio.

Come richiedere l’autorizzazione al proprietario del marchio.

Il sistema più rapido è chiedere l’autorizzazione direttamente al titolare del marchio.

Nel caso non lo si conosce AdWords mette a disposizione un modulo per poterlo contattare. Si compila il “Modulo di richiesta di autorizzazione di terze parti” .

Una volta inviato il modulo di autorizzazione, il team di supporto AdWords dovrebbe provvedere entro due giorni lavorativi.

Potrebbe accadere che il titolare del marchio, per poter concedere l’autorizzazione, richieda direttamente all’inserzionista di operare delle correzioni, per esempio alla parola chiave. 

Una volta aggiustato tutto e avvisato il proprietario del marchio, quest’ultimo darà il suo benestare e il team Google autorizzerà l’account AdWords a utilizzare il marchio.

Ciò significa che l’inserzionista potrà inviare nuovamente i propri annunci in modo che possano passare nuovamente attraverso il processo di revisione.

Requisiti richiesti ai rivenditori

Pagina di destinazione dedicata: la pagina di destinazione dell’annuncio è principalmente dedicata alla vendita (o deve comunque facilitare la vendita) dei beni o servizi corrispondenti al marchio o alla vendita di componenti, parti di ricambio o prodotti o servizi compatibili relativi ai beni o servizi corrispondenti al marchio.

In sostanza la pagina di destinazione deve fornire chiaramente un modo per acquistare il prodotto o i servizi e nel caso non sia possibile la pagina deve contenere informazioni commerciali (es. tariffe, prezzi o preventivi) sul prodotto o sui servizi.

Requisiti richiesti ai siti informativi

Pagina di destinazione dedicata: La pagina di destinazione dell’annuncio deve fornire informazioni sui prodotti o servizi corrispondenti al marchio.

E i proprietari dei marchi come possono verificare l’utilizzo del proprio marchio nell’annuncio?

AdWords ha preparato una guida per i proprietari dei marchi  nella quale si indica come:
Presentare un reclamo relativo all’utilizzo del marchio negli annunci AdWords.
Autorizzare determinati account AdWords a utilizzare il marchio in questione, compreso il proprio account o quelli di eventuali partner o società consociate.

PS: Per reclami relativi ad articoli contraffatti o a contenuti protetti da copyright esistono ulteriori norme.