Città del Vaticano, 15 dicembre 2023 – Papa Francesco ha inviato un forte messaggio in occasione della prossima Giornata Mondiale della Pace, che si celebrerà il 1° gennaio 2024, focalizzando l’attenzione sul ruolo dell’intelligenza artificiale (IA) nella società contemporanea.

Nel suo messaggio, il Pontefice ha riconosciuto le “entusiasmanti opportunità” offerte dall’IA, come il miglioramento delle condizioni di vita, il progresso medico e le interazioni personali avanzate.

Tuttavia, il Papa ha anche evidenziato i “gravi rischi” associati all’abuso delle nuove tecnologie, soprattutto in ambito militare. Ha sottolineato il pericolo delle cosiddette armi “intelligenti”, che potrebbero promuovere la “follia della guerra” e destabilizzare istituzioni legittime. Papa Francesco ha esortato la comunità internazionale a considerare l’adozione di un “trattato internazionale vincolante” per regolare lo sviluppo e l’uso dell’IA.

Il Papa ha anche affrontato i rischi delle campagne di disinformazione alimentate dall’IA, mettendo in guardia contro il potenziale terrorismo e l’interferenza nei processi elettorali. Ha richiamato l’attenzione sulle armi autonome letali e ha sottolineato l’importanza della supervisione umana nella gestione di tali sistemi.

Nel messaggio, Papa Francesco ha riconosciuto le straordinarie conquiste della scienza e della tecnologia nel migliorare la vita umana, ma ha avvertito che tali progressi possono comportare rischi per la sopravvivenza e la convivenza pacifica.

Il Papa ha sollecitato un utilizzo etico dell’IA, incoraggiando l’adozione di un’“algor-etica” che guidi lo sviluppo, la produzione e la distribuzione delle tecnologie intelligenti. Ha sottolineato la necessità di istituire organismi etici e responsabili per esaminare le questioni emergenti e tutelare i diritti delle persone influenzate dall’IA.

Infine, Papa Francesco ha concluso il suo messaggio con una preghiera per il nuovo anno, chiedendo che lo sviluppo rapido dell’IA non contribuisca ad accrescere le disuguaglianze, ma piuttosto ponga fine ai conflitti e allevi le sofferenze umane.

Il messaggio del Papa riflette una crescente consapevolezza delle sfide etiche e sociali associate all’IA, invitando a una riflessione più ampia sulla responsabilità nell’utilizzo di queste tecnologie avanzate.