Il traffico organico si riferisce alle visite al sito web provenienti dai risultati di ricerca organici (non pagati).

In sostanza, quando qualcuno cerca qualcosa su un motore di ricerca, come “consulenza SEO”, e clicca su un link per visitare un sito web, tale azione viene conteggiata come traffico organico.

La differenza principale tra il traffico diretto e il traffico organico in Google Analytics 4 (GA4) riguarda la fonte di riferimento. Mentre il traffico diretto non ha una fonte di riferimento, il traffico organico la possiede.

GA4 monitora il traffico organico da vari motori di ricerca, tra cui Google e Bing, come evidenziato nella colonna “Fonte della sessione” nel report.

Il traffico organico è cruciale per diverse ragioni:

  1. Aumenta la consapevolezza del brand.
  2. Favorisce le conversioni, come l’iscrizione a newsletter o l’acquisto di prodotti.
  3. Permette di raggiungere un vasto pubblico.

Inoltre, il traffico organico è gratuito, ma richiede l’implementazione di tecniche di SEO organico, tra cui la ricerca di parole chiave e l’ottimizzazione on-page.

Tuttavia, una volta posizionati in cima ai risultati di ricerca, si può aspettare un flusso costante di traffico al proprio sito web per mesi o addirittura anni.

Con il passaggio da Universal Analytics (UA) a GA4, avvenuto il 1 luglio 2023, ci sono numerose differenze, sia a livello di metriche che di interfaccia utente.

In GA4, le principali differenze includono:

  1. Utenti: UA aveva solo “Utenti totali” e “Nuovi utenti”. GA4 include anche una metrica “Utenti attivi”, che si riferisce agli utenti che hanno avuto una sessione coinvolta sul tuo sito web.
  2. Visualizzazioni: UA aveva “Visualizzazioni” e “Visualizzazioni uniche”. GA4 ha solo “Visualizzazioni”, che conta il numero di pagine web/schermate visualizzate dagli utenti, comprese le visualizzazioni ripetute.
  3. Sessioni: GA4 utilizza la metrica “Sessioni”, ma non le riavvia a mezzanotte e non avvia una nuova sessione quando vengono rilevati nuovi parametri di campagna.
  4. Conversioni: UA aveva “Obiettivi”, mentre GA4 utilizza “Eventi di conversione”. GA4 può contare più conversioni nella stessa sessione.
  5. Tasso di rimbalzo: In UA, il “Tasso di rimbalzo” indicava la percentuale di sessioni in cui gli utenti vedevano solo una pagina senza attivare altri eventi. In GA4, si riferisce alle sessioni che non sono considerate sessioni coinvolte.

L’interfaccia utente di GA4 è diversa da UA, richiedendo un breve periodo di adattamento.

Come trovare le metriche del traffico organico in GA4?

Per trovare le metriche del traffico organico in GA4, vai al pannello principale e clicca su “Rapporti” nel menu a sinistra. Poi vai a “Acquisizione del traffico” sotto “Acquisizione”.

Come vedere il traffico organico su Google Analytics GA4
Come vedere il traffico organico su Google Analytics GA4

Per analizzare i dati del traffico organico, puoi applicare filtri per isolare il traffico da ricerca organica.

Esempio creazione filtro traffico organico
Esempio creazione filtro traffico organico

Per esempio, puoi identificare le pagine più performanti, misurare i cambiamenti nel tempo, comprendere la localizzazione dei visitatori e misurare l’impatto del traffico organico sulle conversioni.

Traffico organico Analytics GA4: selezione di filtri cross channel
Traffico organico Analytics GA4: selezione di filtri cross channel

Infine, collegando il tuo account GA4 a Google Search Console, puoi scoprire le parole chiave che guidano il traffico organico al tuo sito web.

In conclusione, l’analisi del traffico organico in GA4 richiede la comprensione delle nuove metriche e l’utilizzo delle dimensioni per ottenere informazioni dettagliate sull’efficacia delle tue strategie SEO.