Il colosso tecnologico, insieme ad altri come Amazon e Meta, riduce la forza lavoro a causa di previsioni aziendali rallentate nell’ultimo anno

Google ha licenziato centinaia di dipendenti che lavoravano nei suoi team hardware, assistenza vocale e ingegneria come parte di misure di riduzione dei costi.

I querelanti affermano che lasciare a Google un “tesoro incontrollato di informazioni” ha appreso ciò che cercano online. Google accetta di risolvere una causa da 5 miliardi di dollari che sostiene che abbia tracciato segretamente gli utenti. I tagli arrivano mentre Google guarda verso “un investimento responsabile nelle priorità più importanti della nostra azienda e nelle significative opportunità future”, ha dichiarato l’azienda in un comunicato.

“Alcuni team stanno continuando a effettuare questi tipi di cambiamenti organizzativi, che includono l’eliminazione di alcuni ruoli a livello globale”, ha dichiarato.

In precedenza, Google aveva dichiarato di eliminare alcuni centinaia di ruoli nei team di ingegneria, hardware e assistente virtuale, anche se la maggior parte degli impatti ha colpito la divisione hardware di realtà aumentata dell’azienda. I tagli seguono gli impegni degli esecutivi di Google e della sua azienda madre, Alphabet, di ridurre i costi. Un anno fa, Google aveva annunciato che avrebbe licenziato 12.000 dipendenti, circa il 6% della sua forza lavoro.

Il giorno in cui sono emerse notizie sui tagli, Google ha annunciato che deprecherà 17 funzionalità “sotto-utilizzate” di Google Assistant, tra cui la riproduzione di audiolibri, l’invio di e-mail o l’avvio di una sessione di meditazione con Calm tramite comando vocale.

In un post su X, precedentemente noto come Twitter, l’Alphabet Workers Union ha descritto i licenziamenti come “un altro round di licenziamenti inutili”.

“I nostri membri e compagni di squadra lavorano duramente ogni giorno per costruire ottimi prodotti per i nostri utenti, e l’azienda non può continuare a licenziare i nostri colleghi mentre guadagna miliardi ogni trimestre”, ha scritto il sindacato. “Non smetteremo di lottare finché i nostri posti di lavoro non saranno sicuri!”

Google ha sperimentato una crescita record nei primi giorni della pandemia di coronavirus, ma ha dovuto adattare le previsioni per la sua attività poiché quell’espansione si è rallentata nel corso dell’ultimo anno.

Non è l’unica azienda tecnologica in questa situazione. Meta, la casa madre di Facebook, Instagram e WhatsApp, ha tagliato più di 20.000 posti di lavoro. Spotify ha annunciato a dicembre che stava tagliando il 17% della sua forza lavoro globale, il terzo round di licenziamenti nel 2023 mentre cercava di ridurre i costi e migliorare la sua redditività.

All’inizio di questa settimana, Amazon ha licenziato centinaia di dipendenti nelle unità Prime Video e studi. Licenzierà anche circa 500 dipendenti che lavorano sulla piattaforma di live streaming Twitch. Amazon ha tagliato migliaia di posti di lavoro dopo una frenesia di assunzioni durante la pandemia. A marzo, l’azienda ha annunciato di avere intenzione di licenziare 9.000 dipendenti, oltre ai 18.000 annunciati a gennaio 2023.

Attualmente, Google è impegnata in una feroce rivalità con Microsoft, poiché entrambe le aziende cercano di guidare nel settore dell’intelligenza artificiale. La società di software per uffici ha potenziato le sue offerte di intelligenza artificiale per competere con Google. A settembre, Microsoft ha introdotto una funzione Copilot che incorpora l’intelligenza artificiale nei prodotti come il motore di ricerca Bing, il browser Edge e Windows per i suoi clienti aziendali.

Resta aggiornato, iscriviti alla Newsletter di Dopstart

×