Google ha recentemente condiviso dettagli sul suo processo di classificazione dei contenuti presenti sui siti web di ricette.

Questa è una tematica rilevante data la proliferazione di siti di cucina su Internet.

Spesso, quando si cerca una ricetta su Google, si viene accolti da una serie di siti, alcuni dei quali sono ben noti. Tuttavia, spesso l’esperienza utente può essere compromessa da lunghi testi introduttivi creati da copywriter SEO per migliorare la posizione dei siti web nei risultati di ricerca.

La domanda che molti si pongono è: come decide Google quale sito web di ricette classificare più in alto? Preferisce i siti con contenuti più concisi e diretti?

L’interrogativo non riguarda solo i cuochi casalinghi, ma è stato sollevato anche da un utente su Twitter il 27 ottobre scorso, che ha ottenuto una risposta ufficiale da Google.

Google ha fornito una risposta dettagliata, spiegando il suo approccio complesso alla classificazione delle ricette, cercando di bilanciare la convenienza per chi cerca le ricette con il rispetto per l’intento dell’autore.

In breve, Google cerca di soddisfare una varietà di preferenze per le ricette, non solo per quelle con ingredienti e passaggi semplici. I creatori di contenuti sono incoraggiati a ottimizzare la comodità, ma Google tiene anche in considerazione l’intenzione dell’autore. Google si affida all’intelligenza artificiale avanzata per determinare cosa costituisce un contenuto “generalmente utile” per la classificazione delle ricette.

Il dibattito sulla formattazione delle ricette è emerso negli ultimi anni, con alcune accuse rivolte a siti web che aggiungono contenuti eccessivi al fine di migliorare la loro posizione nei risultati di ricerca. In un contesto competitivo come quello delle ricette online, alcuni creatori hanno utilizzato tecniche SEO, mentre altri cercano di differenziarsi attraverso la semplicità.

Google si trova quindi in una posizione complessa, dovendo soddisfare sia i creatori di ricette che gli utenti in cerca di ricette rapide e dirette.

L’utente Introverted Geek ha postato su Twitter la seguente domanda:

@searchliaison
Aiutami a capire Danny! Siti di ricette: in teoria l’utente vuole una ricetta e basta. Niente fronzoli. Nessun ritocco. Ma Google classificherà davvero (e saprà come farlo) un elenco scarno di ingredienti e metodi?

@IntrovertedGeekUK

Danny Sullivan ha risposto alle preoccupazioni di un utente su Twitter affermando che Google cerca di soddisfare una vasta gamma di preferenze, non concentrandosi solo sulle ricette più semplici. Alcuni utenti desiderano solo un elenco di ingredienti, mentre altri preferiscono ricette personalizzate o con informazioni aggiuntive. Gli algoritmi di Google, alimentati dall’apprendimento automatico, cercano di mostrare ciò che sembra generalmente utile per la maggior parte degli utenti.

Alcune persone vogliono solo un elenco di ingredienti. Alcuni vogliono ricette di persone o luoghi che potrebbero riconoscere. Altri ancora desiderano una ricetta accompagnata da alcune informazioni sulla ricetta stessa, sul significato che ha per la persona che la sta condividendo e così via. Non tutte le persone vogliono esattamente le stesse cose. I nostri sistemi cercano di mostrare ciò che sembra generalmente utile.

Danny Sullivan

Tuttavia, Google ha anche sottolineato che i creatori di contenuti dovrebbero considerare le preferenze degli utenti e cercare di garantire un facile accesso alle parti chiave delle ricette. Allo stesso tempo, l’azienda rispetta il diritto degli autori di condividere ulteriori informazioni sulla loro ricetta, se lo desiderano.

Aggiungo che conosco bene le lamentele per il fatto che le pagine delle ricette a volte sono molto lunghe, mentre alcune persone vogliono solo arrivare agli ingredienti. Credo che questo sia un aspetto che i produttori di contenuti dovrebbero tenere presente. Se volete rivolgervi a questo pubblico, dovrete assicurarvi che le vostre ricette siano utili in questo senso, con un facile accesso alle parti fondamentali.

Ma se qualcuno vuole raccontare di più sulla sua ricetta perché lo desidera, perché è importante per lui, perché pensa che sia utile per lui e per i suoi lettori, è una sua scelta. Questo dovrebbe essere rispettato.

Non stiamo certo dicendo di non scrivere una ricetta lunga o corta. Stiamo dicendo, come per qualsiasi contenuto, di scriverlo in un modo che abbia senso prima di tutto per le persone. Ciò significa anche che non bisogna aggiungere cose solo perché si è sentito dire che vogliamo un testo “lungo” e così via.

Danny Sullivan

In sostanza, Google si affida all’intelligenza artificiale avanzata per comprendere e soddisfare una vasta gamma di richieste di informazioni, non solo riguardanti le ricette, ma anche altri argomenti.

Questo scambio di informazioni fornisce trasparenza sull’approccio di Google ai contenuti delle ricette e sottolinea l’importanza di bilanciare la semplicità con l’espressione dell’autore, tenendo sempre al primo posto le esigenze degli utenti.

Dalla risposta di Danny Sullivan sottolinerei due passaggi interessanti che andrebbero sperimentati a livello SEO:

  1. “Se volete rivolgervi a questo pubblico, dovrete assicurarvi che le vostre ricette siano utili in questo senso, con un facile accesso alle parti fondamentali.” Dunque anche su testo lungo sarebbe fantastico sperimentare un accesso facilitato agli ingredienti e preparazione.
  2. Stiamo dicendo, come per qualsiasi contenuto, di scriverlo in un modo che abbia senso prima di tutto per le persone. Ciò significa anche che non bisogna aggiungere cose solo perché si è sentito dire che vogliamo un testo “lungo” e così via.

Resta aggiornato, iscriviti alla Newsletter di Dopstart

×