Una delle abilità preziose del consulente SEO è la capacità di trasmettere l’efficacia del proprio lavoro ai clienti e, in generale, al pubblico.

Valutare e spiegare l’impatto della SEO può risultare operazione complessa, specialmente quando si affrontano obiettivi a lungo termine, strategie intricate e questioni tecniche. A volte si rischia di spiegare troppo provocando un effetto negativo.

E’ necessario avere l’equilibrio giusto e comunicare quanto serve a comprendere nel modo più semplice.

Considerate, infatti, che spesso i clienti non hanno competenze tecniche e trovarsi a leggere in “tecnichese” potrebbe provocare un’esperienza negativa.

Seguendo alcune linee guida raccomandate, è possibile migliorare le proprie competenze comunicative in ambito SEO e dimostrare il valore degli sforzi dedicati a questa disciplina.

Di seguito vi riporto alcuni suggerimenti di esperienza su come effettuare una comunicazione efficace riguardo all’impatto della SEO.

Indice

Definire gli obiettivi SEO

Prima di iniziare qualsiasi progetto di ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO), è essenziale stabilire con precisione un Piano SEO che comprenda anche gli obiettivi SEO e come allinearli con gli obiettivi aziendali dell’organizzazione o del cliente.

Gli obiettivi SEO dovrebbero aderire al principio SMART (acronimo di specific, measurable, achievable, relevant cioè specifici, misurabili, realizzabili, rilevanti e, aggiungo limitati nel tempo).

Ad esempio, anziché dichiarare genericamente “voglio migliorare il mio posizionamento per questa parola chiave“, sarebbe più appropriato affermare “intendo incrementare il traffico organico del 10% per questa parola chiave entro i prossimi sei mesi“.

Essere più specifici e chiari nella definizione degli obiettivi SEO consente di stabilire aspettative realistiche, monitorare progressi e dimostrare l’impatto del proprio lavoro.

Scegliere le metriche SEO

Una volta definito il piano seo e gli obiettivi SEO da raggiungere è importante selezionare le metriche per monitorare e riportare i progressi compiuti.

Tra le metriche più comunemente utilizzate in ambito SEO, troviamo il traffico organico, il posizionamento delle parole chiave, il tasso di clic, il tasso di conversione, il tasso di rimbalzo e la velocità di caricamento delle pagine.

È fondamentale optare per le metriche che siano rilevanti rispetto ai propri obiettivi.

Anche qui bisogna essere equilibrati ed evitare troppe metriche inutili o non comprensibili.

L’effetto che vogliamo provocare è dare al cliente informazioni chiare e trasparenti sullo sviluppo della strategia SEO e sulle performance del sito web.

Utilizzare strumenti e report SEO

Per raccogliere, analizzare e presentare le metriche nell’ambito dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO), è fondamentale impiegare gli strumenti e i rapporti appropriati.

Gli strumenti SEO rappresentano applicazioni software che agevolano la gestione di diverse attività SEO, tra cui la ricerca delle parole chiave, le verifiche tecniche, l’analisi dei competitor e la creazione di backlink.

Tra i più noti strumenti SEO figurano Google Analytics, Google Search Console, Ahrefs, Moz e SEMrush.

I rapporti SEO, invece, sono documenti che sintetizzano e visualizzano le metriche SEO, offrendo inoltre indicazioni e suggerimenti per il potenziamento delle performance.

Si possono elaborare rapporti SEO utilizzando le funzioni integrate dei software SEO oppure altri strumenti come Google Data Studio, Excel o PowerPoint.

E’ opportuno selezionare strumenti e rapporti SEO che risultino intuitivi, precisi e affidabili, e che facilitino la risposta alle domande e ai dubbi del proprio pubblico.

Inoltre, personalizzare i rapporti SEO in modo da adeguarli alle specifiche esigenze e preferenze del proprio target, includendo, ad esempio, il loro logo, la lingua preferita e il formato desiderato.

Ad ogni cliente la sua storia SEO

La comunicazione dell’impatto SEO è come creare una storia SEO, o meglio, la storia specifica di quel cliente. Una narrazione SEO è una storia che offre un contesto completo, descrive le azioni intraprese, illustra i risultati ottenuti e sottolinea le conseguenze della strategia SEO adottata.

Questo approccio aiuta a coinvolgere il pubblico, a mettere in luce i successi raggiunti e a giustificare le scelte effettuate. La storia SEO dovrebbe includere il problema che ha originato la strategia, la soluzione implementata per risolverlo, il risultato conseguito e il valore generato per l’organizzazione.

Durante la narrazione della storia SEO, è essenziale utilizzare un linguaggio chiaro e sintetico, presentare dati pertinenti e utilizzare immagini accattivanti adatte all’audience di riferimento.

Resta aggiornato, iscriviti alla Newsletter di Dopstart

×